Feed RSS

Archivi categoria: body & soul

Bizarre ! Burlesque ! ReLoaded stasera alle 21:00 PUNTATONA !!!

Inserito il

Quella dell’ 8 giugno 2012 è la replica del 12 gennaio 2007

 Temi della puntata:

Agenda varia + Viagra per li e per lei.

 INTERVISTA A SERGIO MESSINA a.k.a RADIO GLADIO. musicista, produttore, agitatore, giornalista, etc etc etc

Si parla di  sesso in rete, REAL CORE, sound design, Real Life, djing, radiofonia, varie ed eventuali. Grazie Sergio !

+++  www.radiogladio.it la casa di Sergio Messina  +++ Fondamentale il suo blog FOSFORO +++

+++  Il suo libro : “Real sex: il porno alternativo è il nuovo rock’n’roll”, ed. Tunué 2010 +++

La musica della puntata:

The Doors  – Soul Kitchen

Slum Village – Sex

Elvis Costello & Burt Bacarach

Don’t Do It

Donna summer – Love To Love Me

Beastie Boys

Lament

George Benson- I feel Like Making love

Eeelst – Tapparella

Kool Moe Dee – Go & See The Doctor

Bizarre!Burlesque! breaking news!!!

Inserito il

Sono pronta per la prova costume.

 

BIZARRE ! BURLESQUE ! ReLoaded

Inserito il

Questa immagine è tratta da lanostratv.it ( il blog sul mondo della televisione tenuto da professionisti ed esperti del settore. molto valido, da me  appena scoperto) nella galleria dedicata a come ci prendono in giro per tutto il mondo !

Sapete che b sta giustificando i dozzinali travestimenti dellle oramai note seratine  bavose col fatto che si tratta di burlesque e che quindi va considerata una forma d’ arte …  eccolo qua (nella vignetta di Peter Brooks), molto  abile nel tassle twirl (= far roteare i copricapezzoli con nappine ) e nella fan dance (= la danza dei ventagli)… Lasciatemi dire: si fa presto a scomodare il burlesque!

Comunque,

stasera alle 21:00 in onda una replica di Bizarre! Burlesque! Il Primo Programma Radio Con Il Disclaimer.

Replica della puntata del 29 Dicembre 2006.

Temi:

+ J. Brown R.I.P

+ Il caso Natascha Kampusch

+ La dominazione femminile o FemDom

testi:

Antologia di Skin Two e Il feticismo della Seconda Pelle- Shake Edizioni. Grazie Rosie Pianeta, grazie Raf Valvola.

Musica:

Say it Loud I’m Black and Proud – James Brown / Love Machine- The Miracles / Hit the Road Jack- Buster Poindexter / Do You Really Want To Hurt Me? – Culture Club  / Can I Kick It? – A Tribe Called Quest / Besame Mucho- Montefiori Cocktail / Walk On By – B.Bacharach & D. Warwick / The Hardest Button To Button – White Stripes / Sex education Ghetto Style – Gil Scott Heron / This Is Not A Love Song – PIL / Bocca Di Rosa – De Andrè / Let’s Stay Together – Al Green / Why Don’t You Do Right – Sinead O’ Connor  / No, No, No- Dawn Penn /  Putting On The Ritz – Tyrone Power

Stay Bizarre!

M

dal wave gothic treffen a Lipsia

Inserito il
La foto arriva dal sito del corriere.

che carini a Roma !

Inserito il

pare che da ora, se ti sei accicciata tutta cadendo dalle due ruote e ti hanno appena ricucito e incerottato,  lì in ospedale, ti lasciano farti una bella sigaretta. Lì, all’ospedale Sandro Pertini di Roma.

Questo blog è maN/Ltenuto da una fumatrice scooterista. Cose che comunque faccio in momenti diversi.

😉

la pioggia

Inserito il

LA  PIOGGIA  NEL  PINETO

   Gabriele D’Annunzio

Taci.

Su le soglie del bosco non odo parole che dici umane

ma odo parole più nuove che parlano gocciole e foglie lontane.

Ascolta.

Piove dalle nuvole sparse.

Piove su le tamerici salmastre ed arse, piove su i pini scagliosi ed irti,

piove su i mirti divini, su le ginestre fulgenti di fiori accolti, su i ginepri folti di coccole aulenti,

piove su i nostri volti silvani, piove su le nostre mani ignude, su i nostri vestimenti leggieri,

su i freschi pensieri che l’anima schiude novella, su la favola bella che ieri t’illuse, che oggi m’illude,

o Ermione.

Odi?

La pioggia cade su la solitaria verdura con un crepitío che dura e varia nell’aria secondo le fronde più rade, men rade.

Ascolta.

Risponde al pianto il canto delle cicale che il pianto australe non impaura, nè il ciel cinerino.

E il pino ha un suono, e il mirto altro suono, e il ginepro altro ancóra, stromenti diversi sotto innumerevoli dita.

E immersi noi siam nello spirto silvestre, d’arborea vita vivent

e il tuo volto ebro è molle di pioggia come una foglia, e le tue chiome auliscono come le chiare ginestre,

o creatura terrestre che hai nome Ermione.

Ascolta, ascolta.

L’accordo delle aeree cicale a poco a poco più sordo si fa sotto il pianto che cresce

ma un canto vi si mesce più roco che di laggiù sale, dall’umida ombra remota.

Più sordo e più fioco s’allenta, si spegne.

Sola una nota ancor trema, si spegne, risorge, trema, si spegne.

Non s’ode voce del mare.

Or s’ode su tutta la fronda crosciare l’argentea pioggia che monda,

il croscio che varia secondo la fronda più folta, men folta.

Ascolta.

La figlia dell’aria è muta; ma la figlia del limo lontana, la rana,

canta nell’ombra più fonda, chi sa dove, chi sa dove!

E piove su le tue ciglia, Ermione.

Piove su le tue ciglia nere sìche par tu pianga ma di piacere

non bianca ma quasi fatta virente, par da scorza tu esca.

E tutta la vita è in noi fresca aulente, il cuor nel petto è come pesca intatta,

tra le pàlpebre gli occhi son come polle tra l’erbe, i denti negli alvèoli con come mandorle acerbe.

E andiam di fratta in fratta, or congiunti or disciolti

(e il verde vigor rude ci allaccia i mallèoli c’intrica i ginocchi)

chi sa dove, chi sa dove!

E piove su i nostri vólti silvani, piove su le nostre mani ignude,

su i nostri vestimenti leggieri, su i freschi pensieri che l’anima schiude novella,

su la favola bella che ieri m’illuse, che oggi t’illude,

o Ermione.

mi hanno vista sul giornale: nome, cognome e tutto il resto …

Inserito il

 

da Il Corriere Della Sera di Domenica 25 Marzo 2012

Grazie a  Laura Antonini per aver pubblicato esattamente le mie parole scritte e per non aver manipolato !

Solo una cosa: coi foulard ci faccio di tutto in realtà: me li metto in testa, al collo, mi ci lego i capelli,  li uso come cintura, mi ci lego i sandali, li porto come un  top al mare sul costume, devo continuare ?

🙂

grazie

Marta

sapevate che quasi quasi siamo nel medioevo ?

Inserito il

Salve!

vi giro un articolo che copio dalla preziosa mail di ADUC:

“Cannabis vietata alle donne?? Ascia: appello al Parlamento”.

http://droghe.aduc.it/notizia/cannabis+vietata+alle+donne+ascia+appello+al_125076.php

Ci rivolgiamo in particolar modo alle donne che rivestono un ruolo di responsabilità alla Camera o in Senato, ma ci auguriamo che anche qualche uomo possa far propria l’indignazione di fronte a quanto approvato dall’UNODC a Vienna durante la 55a sessione della Commissione Stupefacenti delle Nazioni Unite, su proposta del DPA italiano.
Cosi’ un comunicato dell’Ascia (associazione per la sensibilizzazione sulla canapa autoprodotta in Italia), che continua:
Il DPA nel suo sito riporta enfaticamente: “Si tratta di un grande successo per l’Italia e per il Dipartimento Politiche Antidroga… la risoluzione adottata, che ribadisce e fa adottare ai paesi delle Nazioni Unite, politiche e interventi specifici a favore delle donne, sia per prevenire l’uso di droghe sia per orientare i servizi di cura e riabilitazione agli specifici bisogni del sesso femminile e dei loro figli”.
Nello specifico si parla di: “pieno recupero delle donne tossicodipendenti e delle ragazze che, anche occasionalmente, usano sostante stupefacenti… Senza dimenticare e tutelare tutte quelle donne che subiscono violenze e traumi correlati all’uso di droghe, le donne in gravidanza e quelle che già hanno figli, le donne in carcere, la prevenzione di tutte le patologie correlate all’uso di droghe, la realizzazione di campagne informative dedicate rivolte alle donne.”
Chissà di quale forma di tutela si parla, a noi sembra molto simile alla ‘tutela’ che hanno le donne in! alcuni Paesi Arabi o comunque islamici (Arabia Saudita, Iran, Afghanistan ecc.), dove la donna è costretta al controllo parentale da parte del marito o padre, oltre ad essere soggetta agli innumerevoli doveri di comportamento sociale imposti dalla legge islamica!
Di colpo la donna (per uso di sostanze stupefacenti) viene catapultata nel medioevo, con un protezionismo tipicamente maschilista, dove la donna è l’essere ‘debole’ da tutelare e controllare fuori dalla sua volontà e chiaramente tutto motivato anche dal ‘ruolo’ educativo svolto dalle madri.
Ma nonostante le buone intenzioni che sembrano espresse dalla risoluzione, c’è poco da stare tranquilli, soprattutto considerando che la linea promossa da Giovanardi & C. è considerata ancora valida dal nuovo ministro Riccardi.
Quanto enunciato nell’articolo del DPA fa pensare a future proposte legislative tipo:
– Obbligo di droga test in caso di gravidanza (la madre è responsabile del bambino e quindi sarà punita magari togliendole l’affidamento).
– Obbligo di droga test per tutte le madri fino alla maggiore età del figlio (idem come sopra)
Chiediamo alle Onorevoli Parlamentari di vigilare e reagire affinché vengano fermati sul nascere i tentativi per re-instaurare uno stato di pura sudditanza delle donne e minare il loro sacrosanto diritto all’autodeterminazione.Questo articolo è stato inviato tramite NL a tutti i deputati, senatori e media, Vi invitiamo a sostenerci partecipando alla mailbombing indirizzata ai ministri Fornero e Riccardi e alle donne membri della Commissione della Camera per gli Affari Sociali:
segreteriaministro@mailcert.lavoro.gov.it
segreteriaministrofornero@lavoro.gov.it
segreteria.ministroriccardi@governo.it
farinacoscioni_m@camera.it
argentin_i@camera.it
binetti_p@camera.it
bocciardo_m@camera.it
bossa_l@camera.it
castellani_c@camera.it
dincecco_v@camera.it
lenzi_d@camera.it
martini_f@camera.it
molteni_l@camera.it
murer_d@camera.it
mussolini_a@camera.it
pedoto_l@camera.it
perina_f@camera.it
roccella_e@camera.it
sbrollini_d@camera.it
turco_livia@camera.it
ascia@legalizziamolacanapa.org

Oggetto: Appello alle Onorevoli Deputate e Senatrici Testo mailbombing:
Esprimo con la presente tutta la mia preoccupazione circa la risoluzione proposta dal DPA ed adottata dall’UNODC al 55° convegno sulle politiche antidroga appena conclusosi a Vienna: http://www.politicheantidroga.it/comunicazione/comunicati/2012/marzo/vienna.aspx
Tramite questa risoluzione, teoricamente propositiva nei confronti della tutela delle donne e dei minori, appare inquietante l’aspetto repressivo che potrebbe sfociare con le seguenti applicazioni pratiche:
– Obbligo di droga test in caso di gravidanza (la madre è responsabile del bambino e quindi sarà punita magari togliendole l’affidamento).
– Obbligo di droga test per tutte le madri fino alla maggiore età del figlio (idem come sopra)
Chiediamo alle Onorevoli Parlamentari di vigilare e reagire affinché vengano fermati sul nascere i tentativi per re-instaurare uno stato di pura sudditanza delle donne e minare il loro sacrosanto diritto all’autodeterminazione.


RISPOSTA DEL DPA ALLE DICHIARAZIONI ASSOCIAZIONE ASCIA

Si trasmette la risposta del Dipartimento per le Politiche Antidroga alle dichiarazioni dell’associazione ASCIA sulla risoluzione su droghe e genere femminile, presentata dall’Italia e dall’Europa ed approvata dalle Nazioni Unite la settimana scorsa.

Ci dispiace vedere come il lavoro di questo Dipartimento per ottenere una risoluzione delle Nazioni Unite in difesa dei diritti delle persone di sesso femminile nel campo della prevenzione, cure e riabilitazione della tossicodipendenza, possa essere stato cosi mal interpretato da qualche organizzazione che promuove la legalizzazione delle droghe. Si tratta infatti di una risoluzione che per la prima volta ha dato una svolta decisiva in materie di approcci e strategie diversificate per il genere femminile a livello mondiale.

Questo Dipartimento è orgoglioso di aver presentato, a nome dell’Italia, il testo di questa risoluzione. Va ricordato che la stessa è stata condivisa e votata prima dai 26 stati Europei e, in seguito, dai 193 paesi delle Nazioni Unite segnando cosi una grande svolta, non solo in Italia ma in tutto il modo relativamente al corretto approccio che bisognerebbe tenere nei confronti delle problematiche femminili.

Siamo sorpresi che un tale evento possa essere così scorrettamente interpretato, invece di provare un giusto orgoglio di essere il Paese che ha proposto ed ottenuto questo cambiamento in una sede cosi elevata.

L’idea di proporre un testo che tenesse conto delle differenze di genere nasce sulla base di evidenze scientifiche che hanno dimostrato che le donne reagiscono rispetto alle problematiche droga e alcol correlate e maturano in modo diverso rispetto agli uomini. Esse infatti hanno problemi diversificati legati al loro ruolo nella società, in famiglia e a particolari vulnerabilità genere dipendenti e quindi necessitano di un approccio diversificato dalle persone di sesso maschile, sia in materia di prevenzione, di trattamento che in materia di recupero.

Pertanto si invita a prendere visone del testo integrale della risoluzione sul sito http://www.politicheantidroga.it affinché vi sia la possibilità diretta da parte di tutte le persone che hanno ricevuto la comunicazione distorta dell’ASCIA di poter rendersi conto di persona di quanto approvato da tutti gli stati convenuti in una libera e democratica assemblea delle Nazioni Unite, nel rispetto delle singole legislazioni, delle diversificate culture e principi sociali dei vari stati partecipanti.

CONTRORISPOSTA DI ASCIA

Egregi signori del DPA, noi non possiamo negare che la vostra risoluzione sia stata condivisa da tutti i Paesi che hanno partecipato ai lavori dell’UNODC, ma il pensiero dominante non sempre è quello vincente o giusto e la Storia dovrebbe insegnarci di come molte volte una maggioranza politica abbia recato danni e sofferenze alla maggioranza della razza umana.
Centinaia di migliaia di roghi furono accesi per tre secoli e centinaia di migliaia di vittime furono arse vive per decisione di poche decine di cardinali, con la convinzione che alcuni valori ancestrali fossero eresie inaccettabili.

Decine di milioni di africani furono trattati come merce, rapiti dalle loro terre, venduti e incatenati, per la decisione di alcuni governi europei che dalla tratta degli schiavi ricevevano ingenti profitti.

Milioni di ebrei passarono come fumo dai camini dei lager, per la decisione di un gruppo sparuto di filosofi e politici che dell’ebraismo fecero un nemico da annientare.

E potremmo continuare in una macabra lista delle nefandezze commesse da pochi a danno di molti, dai gulag staliniani, agli stermini operati da Pol Pot e dalla sua banda di sanguinari in Cambogia, ma non è nostra intenzione fare una lezione storia, il nostro intento è verificare se, all’interno di un confronto, in un Paese che definiamo convenzionalmente civile e democratico, possano esistere regole e dinamiche condivise che dovrebbero sostenerlo o se, come nei tempi passati, debba essere solo la convinzione del giusto, monopolio dei potenti, ad imporre regole e castighi.

Non saremmo così determinati in questa lotta che amiamo definire “per i diritti civili”, se la politica adottata dal momento dell’entrata in vigore della “fini-giovanardi”, non avesse causato decine di migliaia di arresti per la maggior parte delle volte ingiustificati, perché operati nei confronti di una criminalità inesistente.

Certo, non ci sono più i roghi, né le catene, né i camini dei forni, né tanto meno campi di prigionia e stragi incontrollate, ma le migliaia di persone che varcano le porte del carcere ogni anno, a causa di una legge che “criminalizza” a prescindere, non è sicuramente un segno di civiltà!

Abbiamo invitato più volte il DPA ad un confronto e ultimamente abbiamo chiesto di essere ascoltati anche dai ministri Riccardi e Fornero, ma, come da praticata usanza dei “regimi” più o meno dichiarati, a questi inviti non è mai seguita una predisposizione da parte degli interlocutori, che preferiscono continuare con proclami terroristici sulle conseguenze, a loro dire “nefaste”, dell’uso di cannabis.

Riproponiamo dunque l’invito ad aprire un tavolo di confronto, dove poter gettare le basi per un diverso approccio nei confronti di un fenomeno diffuso e convenzionalmente accettato, visto che in Italia si stimano circa 5.000.000 di consumatori che, secondo la logica del DPA, sarebbero tutti potenziali criminali.

Infine vorremmo chiedere al DPA, a proposito delle “differenze di genere sulla base di evidenze scientifiche”, come mai questa sensibilità venga dimostrata solo per quanto riguarda l’uso di sostanze stupefacenti da parte del “genere femminile”, mentre lo stesso metro di misura non viene usato per quanto riguarda l’impegno delle donne nella famiglia, nel lavoro e nelle responsabilità sociali.

quando c’è la salute, c’è tutto ovvero don’t believe the hype

Inserito il

 

Toscana: 1 bimbo su 3 è obeso o sovrappeso, lo dicono qua:

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2012/03/14/news/toscana-31530133/

….ho sempre pensato che poca ma regolare attività fisica ci eviterebbero un sacco di problemi, a  tutti, per tutti.

Siamo un paese di anziani e si sa, ma quello che non viene mai evidenziato è che siamo un paese di anziani magri …. guardatevi intorno, vedete anziani sovrappeso ? No. Semplicemente perché non arrivi a compierne molti di compleanni se hai passato la maggior parte della tua vita sovrappeso.

Più tardi si affronta il tema e più complicato sarà. Qualcuno tempo fa se ne uscì con una frase del tipo “Un obeso ci costa più di un carcerato” … vorrei conferme o smentite sul tema, please !

Penso che la scuola dovrebbe dare più attenzione  all’attività fisica e soprattutto all’educazione fisica in generale così da evitare che l’idea di salute nel trentenne medio equivalga a stare in palestra a fare pesi e basta. Finchè la schiena non presenta il conto. E allora lì, di nuovo, medicine, cure, terapie, operazioni, malessere etc etc.

Anzi, a scuola dovrebbero fare che ne so, stretching in classe fra una lezione e l’altra. Dovrebbe diventare la normalità.

Penso che le palestre dovrebbero essere sponsorizzate dallo stato che se ci tenesse davvero alla salute di suoi cittadini avrebbe tutto un altro comportamento e gestione del suo materiale umano.

La verità forse è che siamo cittadini  interessanti quando siamo “bisognosi” di cure e aiuti, di medicine e ospedali, terapie e via così …

e comunque, da diet-blog.com vi giro un simpatico schemino: pare ci sia anche il poster di questa classifica.

Come sempre,  tutti questi sondaggi e calcoli vanno presi con le pinze.

augh!

M

 

 

 

 

 

 

 

 

DRAG KING e dintorni

Inserito il

allora stasera alla FLOG per la Festa di Azione Gay & Lesbica arriva una performer PAZZESCA !!!

http://www.bridge-markland.de

Si chiama BRIDGE MARKLAND ed è una espertissima performer transgender sfacciata e affascinante che ha in repertorio pezzi dove frulla il Faust di Goethe o  episodi della vita di Schiller  con musica pop e soprattutto farà a brandelli tutto quello che pensavate di sapere sui generi e su quanto ampio possa essere il margine del fluttuare, il tendere dal femminile al maschile ma anche dal femminile all’ultra femminile, insomma Bridge vi sollazzerà con la frutta e le sue mille possibilità, Bridge è  Drag King ma anche Drag Queen, Bridge è artista circense con le sue marionette a cui presta la voce in perfetto lip-sync, Bridge è una delle protagoniste del documentario culto VENUS  BOYS della svizzera Gabriel Baur -Premio della Critica Locarno 2001

http://www.venusboyz.com.

Bridge, wilkommen in Florenz !!